15. TRE NOZIONI CHE INFLUENZANO SOPRATTUTTO LO SVILUPPO ED IL DESTINO DELL´UOMO, DELLE FAMIGLIE, DEGLI STATI E DELLE NAZIONI




Introduzione

L´elenco delle nozioni, cioè delle nostre idee è contenuto nei dizionari. I simboli fondamentali e precisi delle idee sono le loro definizioni. Un´arma pericolosa del buio è l´aspirazione a violare tali simboli precisi e fondamentali, soprattutto se si tratta della nozione come democrazia. Un tale annebbiamento della nozione permette senza punire che la forza dello stato non serva alla gente ma che la gente serva alla forza dello stato. Non esiste la democrazia e la fiducia reciproca senza la morale. La nozione è la prima componente del ragionamento umano. La seconda componente è il parere che esprime il rapporto tra due oppure più nozioni. La triade del ragionamento è completata dal giudizio che deduce dai due dati pareri un giudizio nuovo. Nella scrittura buddista Dhammapada (Via della Legge) è già scritto sul ragionamento che crea la più importante caratteristica della specie umana: Tutto ciò esiste è preceduto dalla mente. La mente è la base, la mente è la creatrice. Chiunque parla oppure agisce in base al ragionamento non pulito, è seguito dalla sofferenza come è seguito un animale da tiro da un carro. Tale sofferenza però non segue subito dopo la violazione della Legge da parte dell´uomo ma si manifesta prevalentemente più tardi, nel tempo giusto, non si può perdere. Se non ci fosse questa morosità, la gente non avrebbe la libertà della scelta tra la luce ed il buio. Perciò il soggiorno temporaneo della gente sul pianeta Terra può essere chiamato la scuola della Legge. Il ragionamento è condizionato dall´esistenza dello spirito umano sul quale leggiamo nella Bibbia: Lo spirito umano è la luce dall´Iddio. (Proverbio 20, 27)

Lo sviluppo del regno umano si svolge nelle fasi di tempo stabilite precedentemente da nostri Genitori, Padre e Madre dell´universo e della natura ed anche della vita in essi. Nel libro spirituale più accessibile, cioè nella Bibbia, si scrive subito all´inizio dei sette giorni della Creazione di Dio che, però non sono i sette giorni della nostra settimana, ma sono i giorni cosmici.

Il quarto giorno cosmico che crea il sistema solare di oggi è poi diviso in sette fasi di tempo che chiamiamo le epoche. La terza epoca era l´epoca lemurica, la quarta epoca atlantica e la quinta epoca attuale - ariana. Anche quest´epoca si divide ulteriormente in 7 culture. Nella quarta cultura latino-greca visse Gesù Cristo. Seguiva la quinta cultura anglosassone-germanica che raggiunse il colmo del suo sviluppo alla fine della prima guerra mondiale nel 1918. Nello stesso tempo nacque la sesta cultura filadelfica, la culla della quale diventò la Cecoslovacchia, nuovamente creata. La settima cultura dell´epoca ariana si chiama la cultura “dei Tiepidi”. La divisione dell´epoca ariana in sette culture è descritta nel capitolo 2 e 3 dell´Apparizione, l´ultimo libro della Nuovo testamento.

Della cultura filadelfica si scrive nell´Apparizione nella lettera a Filadelfia. (App. 3, 7-13) La parola filadelfico significa amante il fratello. Dal testo citato si sottointende che in questa cultura avviene un grande equilibrio ulteriore del carico carmico dell´umanità. Di seguito tale fatto permette la vita nuova del regno umano in conformità alle norme della Legge naturale morale che sono anche le norme della democrazia regolare e la libertà dell´uomo. Solo tale evoluzione può con l´educazione ed autoeducazione assicurare la vera pace spirituale, stima reciproca e fiducia nei rapporti tra le persone, paesi e nazioni - senza guerre, violenze egoistiche, bullismo (terrorismo), bugie e viltà. La strada per arrivare a quest´evoluzione predestinata è rappresentata nelle tre nozioni menzionate nel titolo:
1. ignoranza,
2. entrata (sulla strada diretta della Legge),
3. lotta (tra la luce ed il buio).
F. V.


1. Ignoranza

1. La strada dall´età del lattante all´uomo di cultura è lunga. (S. Freud)
2. Sebbene i nostri esseri vivano nella vigilanza del cielo, pure il nostro spirito rimane chiuso nella grotta del nostro proprio carattere e costumi che ci alimentano di una enorme quantità di errori e opinioni senza valore. (F. Bacon)
3. L´uomo durante la vita può cambiare così sostanzialmente come se fosse nato per la seconda volta. (E. Trioletová)
4. L´ignoranza lì per sé è un male perché rappresenta il buio. (Komenda Stanislav (1936) Repubblica Ceca - scienzato, scrittore, aforista)
5. La radice del male (buio) è l´insufficienza della conoscenza. (Konfucius)
6. Quando chiudi la porta davanti a tutti gli errori, ci rimane anche la verità. (Thákur Rabíndranáth (1861-1941) India - filosofo, poeta)
7. Ho chiuso la porta davanti all´errore della mia anima. La verità disse: „Come faccio adesso a rientrare dentro?“ (Thákur Rabíndranáth (1861-1941) India - filosofo, poeta)
8. La forza della nostra convinzione non è ancora la prova della sua correttezza. (John Locke)
9. Sbagliare è umano ma è sciocco rimanere nell´errore. (Cicerone)
10. È sbagliato credere a tutto, è sbagliato non credere a niente. (Seneca giov.)
11. La vera cecità è uno stato terribile. Per lo sviluppo di ogni persona è però molto peggio la cecità verso i fatti e pensieri. (E. Oesch)
12. L´uomo che non cambia i suoi atteggiamenti non è un essere umano ma un monumento. (Overland Arnulf (1889-1968) Norvegia - poeta, prosatore)
13. Solo gli stupidi ed i cadaveri non cambiano le loro opinioni. (Lowell James Russell (1819-1891) USA - diplomatico, poeta)
14. Prima che si possa cambiare il mondo, dovrebbe cambiare l´uomo. (Brecht Bertolt di nome proprio Eugen Berthold Friedrich B. (1898-1956) Germania - poeta, drammatico)
15. L´uomo rispecchia i suoi pensieri. (Tomáš Eduard (1908-2002) Repubblica Ceca - filosofo)
16. Ognuno è il magnete di ciò a che cosa pensa. (Jiří Solar)
17. Trasformatevi rinnovando la vostra mente. (Apostolo Paolo, Ai romani 12, 2)
18. Pensare, così come anche suonare il violino oppure il pianoforte richiede l´allenamento quotidiano. (Chaplin Charles, di proprio nome Charles Spencer Chaplin, (1889-1977) Inghilterra - attore)
19. Se non hai i pensieri cattivi, non ci saranno nemmeno le opere cattive. (Konfucius)
20. La letteratura influenza le persone in modo che cambia la loro coscienza. Se cambiamo la loro coscienza, cambiamo loro stessi. (Ginsberg Allen (1926-1997), USA - poeta)
21. Non vi fate più portare verso le opinioni sbagliate! (1 K 15, 33)
22. Per me un personaggio è quello che con la sua richezza spirituale, la sua opera, il suo rapporto verso il mondo significa un apporto nello sviluppo di pensieri dell´umanità. (Höger Karel (1909-1977) Repubblica Ceca - attore)
23. L´uomo senza principii e senza la volontà assomiglia ad un vascello senza il timone e senza la bussola. Cambia la direzione con ogni cambiamento del vento. (Smiles Samuel (1812-1904), Inghilterra - medico, scrittore)
24. Il disinteresse e l´indifferenza sono peggio dell´ignoranza. (TGM)
25. I poco saggi acquistano l´intelligenza con la disgrazia. (Demokritos)
26. Ogni persona ha tale prezzo quale prezzo ha l´oggetto della sua aspirazione. (M. Aurelio Marco)
27. La massima meta dell´uomo è di diventare un collaboratore di Dio. (W. James)
28. Il viaggio lungo mille miglia comincia con il primo passo. (Lao-C´)
29. La vita non può essere senza un traguardo – sarebbe solo una pura esistenza. (G. Eliot)
30. Non si può vivere solamente dai frigoriferi, politica, conteggi e cruciverba. (Antoine de Saint Exupéry)
31. Non è vero che l´economia decide di tutto. La morale è decisiva. (A. Solženicyn)
32. Crescete nella vostra spiritualità ed aiutate a crescere gli altri. È l´argomento (senso) di tutta la vita. (L. N. Tolstoj)
33. Non vive colui che non vive per qualcosa oppure per qualcuno. (Robert Walser)
34. Sull´arbitrio delle persone e dei governi sta la Legge morale che impegna sia le persone del settore pubblico che i privati, i popoli ed anche le singole persone. Violare tale Legge è un crimine. (Champetier de Ribes, rappresentante della Francia nel Processo di Norimberga.)
35. Il più grande crimine: Piegare ed istupidire i milioni di persone. (A. Bělohoubek)
36. Stimare le persone capaci ed oneste significa la base del governo. (Mo-c´)
37. Il carattere è più dell´intelletto. (A. Einstein) (Intelletto – la capacità di pensare, ragionare)
38. Lo sforzo è una condizione inevitabile del perfezionamento morale. (L. N. Tolstoj)
39. La vita morale è uno sforzo continuo. (L. N. Tolstoj)
40. Non puoi vivere felice senza essere saggio, onesto e giusto. (Epicuros)
41. Colui chi segue la Legge, acquista la saggezza! (Bibbia)
42. La quantità dei saggi è la salvezza del modo. (Bibbia)
43. Spesso sono le più importanti cose sulle quali sappiamo il minimo. (Emil Oesh)
44. Non è mai tardi al viaggio verso la buona condotta. (L. A. Seneca giov.)


2. Entrata (sulla strada diretta della Legge)

1. Sei un frammento staccatosi dal Dio. Dentro di te hai una parte di lui. (Epiktétos del
1. secolo dopo Cristo ) (Siate dunque perfetti come è perfetto il vostro Padre del cielo. (Matteo 5, 48)
2. Rivolgetevi a me e io mi rivolgo a voi, dice Iddio. (Zaccaria 1, 3)
3. L´uomo non è arrivato al mondo per mangiare e vivere i piaceri dei sensi ma per svilupparsi spiritualmente servendo al prossimo ed al Dio. (Alma Excelsior)
4. La base dell´evoluzione umana non è l´aumento dei valori esterni ma l´aumento dei valori interni. (E. Oesch) Come valori interni intendiamo i valori spirituali e mentali, cioè il miglioramento e perfezionamento continuo della psichica umana in conformità con la Legge.
5. La religione è un frutto modificato della conoscenza spirituale acquistata con la consacrazione. La consacrazione è l´entrata diretta nel mondo spirituale. (Alma Excelsior)
6. Ci sono molte religioni ma una sola moralità. (J. Ruskin)
7. Come l´impalcatura serve per costruire un edificio, così il nostro corpo serve per costruire la vita spirituale. (L. N. Tolstoj)
8. Il Cristo con la sua morte nel Golgota ha riunito il cielo con la Terra e ha permesso di ritrovare il viaggio di ritorno nel mondo spirituale a tutti che accettano il suo impulso. (Alma Excelsior)
9. L´unione con il Dio dà all´uomo un potere straordinario per superare il male. (Alma Excelsior)
10. L´egoismo (il contrario dell´amore) è una forza che separa l´uomo dall´essere spirituale. (Alma Excelsior)
11. L´amore è la forza motrice di tutta l´evoluzione spirituale dell´umanità. Il motivo della vita sulla terra è lo sviluppo dell´amore. Con l´amore l´uomo sale verso il Dio e diventa l´uomo delle sfere. L´uomo ha disonorato la parola l´amore utilizzandola per indicare i rapporti istintivi dell´animalità umana che è comune al regno umano come a quello degli animali. (Alma Excelsior)
12. Io (Gesù) sono quella strada, la verità e la vita. Io sono la luce dell´universo. Chi mi segue, non camminerà nel buio ma avrà la luce della vita. (Giovanni 14, 6; 8, 12)
13. Il Dio è l´Amore. (1 Giovanni 4, 8) Il Dio è la luce. (1 Giovanni 1, 5)
14. Possiamo avvicinarci al Dio solo con i fatti secondo il suo Testamento. Più conosciamo il Dio, più volentieri adempiamo il suo Testamento. Di consegueza se adempiamo il Testamento ancora meglio, ci avviciniamo ancora di più al Dio. (L. N. Tolstoj)
15. Chi rispetta i suoi comandamenti (del Dio), rimane in Dio e il Dio in lui. (1 J 3, 24)
16. Il progresso non significa che abbiamo la più grande quantità di macchine (vetture), ma che la gente è migliore dal punto di vista morale. (Dominik Pecka)
17. Ognuno deve decidere nella sua vita a chi servirà – a quelli potenti oppure a quelli impotenti; alla mensogna oppure alla verità; alla violenza oppure all´amore; al male o ppure al bene. (Pavel Diviš)
18. La miglior correzzione è se correggiamo se stessi. (F. Vymazal)
19. Seppure sopra la tua testa pende una spada, le tue labbra debbano dire la verità. (Detto uzbeco)
20. Non siamo mai lo strumento della violenza! Non limitiamo mai la libertà degli altri! Siamo un esempio della bontà, amore e giustizia. (Alma Excelsior)
21. Colui che ha sollevato il bene sopra il male, colui che è uguale nei confronti dell´amico ed anche del nemico, colui chi vede il Dio in tutte le cose, non sarà mai abbandonato dal Dio ed anche egli non l´abbandona mai. (Bhagavadgíta)
22. La virtù mi ha permesso di fare il viaggio verso le stelle ed anche verso i cristiani. (Seneca giov.)
23. Non ero mai l´ateista perché non è mai passato un giorno senza pensare al Dio. Sono un oppositore deciso dell´opinione materialistica al mondo. Vivere moralmente è una vera venerazione del Dio. Il compito principale dello sforzo di tutte le singole persone, popoli e di tutta l´umanità è di capire la dottrina pura di Cristo ed agire secondo le sue regole. Non riesco ad immaginarmi una persona che cresce senza conoscere il Gesù e senza il suo insegnamento. Seguire il Gesù per me significa tutto. Gesù – non Cesare - ripeto, dà il senso alla nostra storia e democrazia. (TGM)
24. Le peggiori resie ed abusi della nostra era prendono origine dal distacco totale della morale dalla politica. (V. Solovjev, 1853 - 1900)
25. Quando si elimina dallo Stato la giustizia (e la morale), che cosa allora ne rimane dallo Stato, solo una società per commettere i crimini in grandi dimensioni. (Sant´Agostino)
26. Non esiste la democrazia senza la moralità. La moralità può essere basata solo sulla fede in Dio. (Prof. dr. ing. Libor Brom)
27. In questo paese (Repubblica Ceca) è cambiato il regime, è vero, ma non è cambiato il sistema di governare con empietà. I comunisti dicevano le bugie alla gente quando proclamavano che il Dio non esistesse. Gli attuali rappresentanti del governo non dicono che il Dio non esisteva; ma governano in modo come se non ci fosse e non sapesse che governano con empietà, ciò significa male. Governare senza il Dio è sciocco e presuntuoso, pazzo e pericoloso. Finché i potenti di questo paese non se ne rendono conto, non cambierà nulla. Scusate mi, cambia – ma sicuramente non al meglio. (St. Velický nel 1994)
28. Il socialismo reale fu sostituito nel novembre del 1989 dall´amoralità reale. Il pragmatismo del partito governante con intenzione gira intorno ai valori morali ed agli ideali che appella solo verbalmente. Nel passato di questo paese e popolo ci sono i decenni del regime totalitario nazista e comunista che, utilizzando la paura, repressioni, vantaggi materiali e promesse preferivano la moralità a rovescio a la morale con il prefisso anti. Possiamo entrare negli Stati europei come un popolo che sta maturando economicamente ma è arretrato dal punto di vista morale? Perché il diritto alla giustizia è di nuovo sottoposto al potere? Non solamente la destra – ma noi tutti ci troviamo all´incrocio. È un incrocio del nostro spirito morale. Forse abbiamo l´ultima possibilità di fare la politica più sana, raddrizzarsi e lottare con efficacia contro la finzione, inganno e mensogna. Se non lo facciamo adesso, non fermiamo non solo la caduta morale ma minacciamo anche l´evoluzione dello Stato di diritto che si sta creando lentamente e difficilmente come la seconda dimensione fondamentale dello Stato democratico. In tal modo mettiamo in dubbio anche le garanzie della tutela dei diritti umani e dei cittadini. (JUDr. Milan Hulík - febbraio 1994) (La nostra nota: I diritti umani fondamentali sono nello stesso tempo anche il dovere fondamentale del potere dello Stato nei confronti dei cittadini. Alcune democrazie aventi il governo sbagliato violano tali obblighi abusando le eccezioni legali per mantenere i diritti fondamentali e la libertà.)
29. La chiave per risolvere la situazione attuale in Repubblica Ceca è la rigenerazione morale di entrambi i nostri popoli. (Walter Komárek in dicembre 1994)
30. Non si può dire che non si sviluppa la democrazia da noi. Si sviluppa ma va verso la direzione opposta. (M. Petrásek nel 1996)
31. Il supercapitale limita la democrazia, l´abbassa e ne crea la democrazia a metà che non sa arrangiarsi con molti problemi fondamentali di oggi. Popper dice giustamente di una tale democrazia: la gente nemmeno il cittadino non governano. Ma governano i governi? Oppure solo amministrano – come manager, fattori, autorizzati, manutentori - il grande latifondo planetare di un reggente nascosto anonimo che detta dal retroscena alla gente come deve vivere, rispettivamente vivacchiare nel vuoto confortevole? (K. Kosík)
32. La nostra democrazia deve essere una riforma costante, una rivoluzione costante ma la rivoluzione delle teste e dei cuori. Una vera democrazia fondata sull´amore e stima dell´altro e di tutte le persone, è la realizzazione dell´ordine del Dio sulla Terra. La democrazia è uno sforzo costante dell´educazione del popolo in assoluto. Se la democrazia ha alcune mancanze dobbiamo superarle ma non dobbiamo superare la stessa democrazia. Tutto il progresso della cultura e civiltà deve servire alla riparazione della moralità, dei costumi e della vita. La dottrina, esami dei dottori e titoli non garantiscono la buona educazione ed il decoro neppure il corraggio. Non credo che la riforma necessaria si possa eseguire solamente al piano economico. Nello stesso tempo deve essere eseguita la riforma morale e quella di opinioni. Se ci giriamo dalla luce verso il buio, dall´amore verso la violenza – così torniamo nella nostra tomba dalla quale non sarà più possibile la rissurezione. (T. G. Masaryk)

******

Se non siete ancora entrati nella strada della luce, la saggezza, cioè la morale della Legge, vi preghiamo di valutare i nostri argomenti per tale entrata e fatelo il più presto possibile. In tal modo potete avere il primo piccolo contatto con il mondo spirituale. La prima manifestazione esterna della vostra più importante decisione nella vita può essere quella di prucurarsi la Bibbia. Il contatto quotidiano con il mondo spirituale rinforza in modo migliore la vostra decisione di non diventare la preda del buio. Le altre fonti di informazioni per la coltivazione della psichica umana che rinforzano il contatto già iniziato con il mondo spirituale e che trasforma il filo di contatto in una fune forte, potete trovare sulle pagine web della: www.cz-eu.eu

SPMZ (Associazione civile degli amici della legge morale) aderisce all´opinione cristiana mondiale nella presentazione del Gesù e non ha nessuna relazione alle religioni perché non prende le sue conoscenze spirituali solo dalle fonti religiose secondarie ma direttamente dalla prima fonte della nuovissima consacratrice Alma Excelsior (1887-1956) che, in tutto il mondo rappresenta la più grande consacratrice in assoluto. Ringraziamo molto ed anticipatamente del sostegno finanziario volontario della nostra attività inviato al nostro indirizzo. Non aspettiamo nessun sostegno dal nostro potere statale attuale. Le spese notevoli rappresentano soprattutto le traduzioni nelle lingue straniere.


3. Lotta (tra la luce ed il buio)

1. Guarda, oggi ti ho presentato la vita e la bontà ed anche la morte ed il male; scegli allora la vita per essere vivo anche tu e tuoi figli e per amare il Signore, il tuo Dio, per ubbidrgli ed essere fedele. (5 M 30, 15.19.20)
2. È possibile vincere e superare solo con l´unico mezzo il male generale nella vita: perfezionando moralmente la propria vita. (L. N. Tolstoj)
3. Dovete vivere come i figli della luce. Il frutto della luce è sempre la bontà, giustizia e verità. (Ef 5, 9)
4. Guarda allora che non ci sia dentro di te il buio al posto della luce. (L 11, 35)
5. Con il buono sono buono, ma sono buono anche con il non buono, quindi preferisco e sto propagando il bene. (Lao-C´)
6. L´amore al prossimo non fa mai male. (L 13, 10)
7. Amare significa volere sempre il bene per l´altrui. (J. Doubrava)
8. Il potere non è la verità ed il diritto. (TGM)
9. La democrazia viene molto stimata ma tra i termini più incerti politici del mondo moderno – è scritto nel Dizionario della politica della casa editrice Penguin.
10. Il buio regna nello Stato nel quale sono sulla cresta dell´onda i mascalzoni! (S. J. Lec, Český deník - 13. 6. 1994)
11. L´egoismo è una forza che che separa l´uomo dall´esistenza spirituale. ( Alma Excelsior)
12. Bisogna adempire i comandamenti dall´amore del Dio e non solo dalla paura di lui. (Talmud)
13. Grazie all´apporto della conoscenza spirituale da Alma Excelsior il popolo ceco ha la speranza di riprendersi dall´assopimento materialistico e di salvare se stesso ed anche gli altri. (SPMZ - 1995)
14. Non chiedere mai nella preghiera qualcosa proprio per te. (Pythagoras)
15. Lasciate il modo di vivere precedente, l´umanità vecchia che muore per le passioni ingannevoli e rinnovatevi con il modo di pensare spirituale, mettetevi addosso la nuova umanità creata verso l´immagine del Dio nella giustizia e la sacra verità. (Ef 4, 22-24)
16. Come l´impalcatura serve per costruire un edificio, così il nostro corpo serve per costruire la vita spirituale. (L. N. Tolstoj)
17. Chiedete la bontà per quelli che vi inseguono, la bontà non il male. Non fidatevi solo della vostra saggezza. Non rendere del male per male. Non bisogna volere ripagare con la stessa moneta cari, ma lasciate lo spazio per il giudizio del Dio perché è scritto: ‚La vendetta spetta a me, io ripago, dice il Signore.‘ Non farti lasciare superare dal male, ma supera il male con il bene. (Ai romani 12, 14.21)
18. In qualsiasi momento che confronti l´avversario, lo superi con amore. (Gándhí Mohandás Karamčand deto Mahátma –Grande spirito (1869-1948), India - politico, uomo di Stato)

******

Dove passa la linea di lotta tra la gente della luce che rifiuta la violenza e la gente del buio, che conta sulla sua prevalenza informatica, technica per raggiungere i suoi obiettivi? La risposta è: non sul fronte di lotta nelle guerre dove vengono ammazzate le persone, ma nelle teste umane, cioè nella capacità di pensare che crea soprattutto l´opinione mondiale. Quest´ultima è il sistema supremo dirigente dell´uomo al quale è sottoposta anche l´evoluzione dell´autocontrollo e sviluppo della volontà. La risposta simile vale anche per la lotta interiore dell´uomo con il proprio buio. Tale lotta penetra nella coscienza dell´uomo che preferisce la vita dei sensi alla vita spirituale, soprattutto animale, cioè il sesso di Lucifero senza l´amore. Il buio penetra nella coscienza dell´uomo per esempio anche con la rabbia silenziosa dei cittadini davanti alle nuove facciate delle case con i graffitti ed i piccoli alberi piantati completamente rotti oppure davanti ad alcuni programmi televisivi assolutamente demoralizzanti. Con il crescere continuo del buio nell´uomo, l´oscuro penetra fino alla coscienza dell´uomo e vi padroneggia. L´uomo diventa uno strumento, servitore del buio, soprattutto della passione in se stesso. Lo sviluppo del buio nell´uomo sostiene anche l´alimentazione scorretta dell´uomo e l´uso di droghe.

Il traguardo dei buoni figli dei loro Genitori può essere rappresentato con un recipiente (corpo fisico), che all´inizio contiene la miscela della luce e del buio. Con l´evoluzione graduale e molto lunga i figli cercano una reazione giusta a tutto ciò che la vita gli ha preparato ed alla fine raggiungono il loro traguardo, gli ultimi resti del buio spariscono e nel recipiente resta solamente la luce.

Il traguardo dei figli cattivi dei Genitori è opposto da quello dei buoni figli: vogliono gradualmente privarsi dei resti della luce nel loro recipiente lottando contro i portatori della luce. La lotta ha come principio il fatto che il buon traguardo è raggiungibile con i mezzi cativi ed illegali. Tali figli del buio pensano in modo sbagliato che il piano del potere può con la forza comandare anche ad esso superiore il piano di idee. Ma il piano del potere, inclusa la causalità sono assolutamente dipendenti dalla sua esistenza. I figli della luce che hanno già pagato i loro debiti carmici, ulteriormente controllano la correttezza dell´idea: osserva l´ordine e l´ordine ti sostiene. Tale idea è già descritta nel libro di Tao e di vertù in modo seguente: Ogni essere porta al suo collo il buio, nelle sue braccia abbraccia la luce. (Capitolo XLII) Il rinoceronte non sa dove mettere il suo corno, la tigre non sa dove far entrare le sue branche, non ha un´arma dove metterla. Perché è così? Perché per lui (più precisamente per ll´uomo che dirige bene la sua vita) non esiste la zona della morte. (cioè la zona del buio.) (Capitolo L)

Il problema del rapporto del piano di ideee e quello del potere che non prende in considerazione il tempo che passa, cioè il passato ed il futuro, ma solamente il presente, descrive benissimo nel suo libro la Rivoluzione mondiale TGM: Il problema della guerra e della rivoluzione mi interessava già da tanto tempo; è un problema morale principale – l´umanità non mi era di parola. Ed è un problema ceco; la domanda Žižka oppure Komenský è stata risolta da Kollár e Palacký nel sonso di pensare come Komenský. Nei tempi di oggi è stato Tolstoj che aveva avvertito questi problemi. Sono stato diverse volte da Tolstoj. Non riuscivo a consentire la dottrina di non rifiuto del male; ero contro e dicevo che il male dovrebbe essere rifiutato da tutti ed in tutto. Mi sono messo contro Tolstoj e ho posto un vero traguardo umanitario: vigilare sempre, superare i vecchi ideali di violenze e gli ideali eroici e di martiri, dedicarsi con l´amore ed energicamente al lavoro, anche al lavoro piccolo, lavorare e vivere! Nel caso estremo rifiutare la violenza e l´attacco ed affrontarla con il ferro – difendere se stesso e gli altri contro le violenze.
Tolstoj non riconosceva la differenza psicologica e di conseguenza nemmeno quella morale della difesa e della violenza attaccante. Non giusto; il motivo è differente qua e là ed il motivo decide della morale; se sparano uno all´altro, la differenza consiste proprio nell´attacco e nella difesa. Quando le due personne fanno la stessa cosa , non è lo stesso; il fatto meccanico è uguale ma l´intenzione, traguardo e moralità non sono uguali. Tolstoj una volta ha argomentato in modo aritmetico: che non muoiono più persone se gli attaccati non si mettono contro l´attacco, al contrario, muoiono meno persone, invece di preparare il contrattacco. Diceva che con la lotta la gente si distrae ed irita in entrambe le parti e per questo muore in quantità superiore. Se l´attaccante non trova la resistenza e contrattacco, si indebolisce e smette di ucidere. Mettiamoci a questo punto di vista pratico: se deve essere uciso uno, allora che sia uciso l´attaccante! Perché deve essere ucisa una persona non attaccante che non fa niente di male e non una persona che vuole il male ed è un assassino? (T. G. Masaryk Rivoluzione mondiale – Durante la guerre ed in guerra 1914 - 1918. ORBIS, Praga 1925, pagine 75-76)

T. G. Masaryk nella sua domanda valutava solamente una situazione momentanea senza la conoscenza carmica della persona non attaccante, che non fa niente di cattivo. La Ceccoslovacchia puntava sulla difesa fisica contro Hitler, e il suo equippaggiamento è stato alla fine molto rafforzato dalla Germania di Hitler. E quanti soldi sono stati affogati nelle costruzioni dei bunker in cemento sulle frontiere? L´ordine della Legge di amare anche i nemici aiuta l´uomo a non ucidere in nessuna circostanza e per qualsiasi motivo con il suo comportamento una persona e che in tal modo non diventa lo strumento volontario dei poteri del buio, sebbene nella sua difesa. La verità nella controversia dei due uomini era allora da parte di Tolstoj. La sorte è dunque solo l´espressione dell´ignoranza del nostro passato; ciò che deve succedere succede e ciò che non deve succedere non succede, anche senza riguardo alla volontà delle persone. All´uomo è stato tolto il ricordo delle reincarnazioni per non poter regolare il male sui suoi ex amici. (Alma Excelsior). La lotta del giusto contro il male ed il buio è richiesta ma con l´osservazione delle norme della Legge e non con i loro superamenti.

La citazione n. 15 nel questo capitolo 3. in parole “lasciate il vostro vecchio modod di vivere e mettetevi addosso un´umanità nuova lidství‘ evoca l´idea che il cambio del buio dentro di noi può essere fatto in una volta sola, come succede quando ci diamo l´ordine dietrofront! Ma la verità è contraria. Il cambio e lo sviluppo della luce dentro di noi è una lotta molto lunga. L´entrata dell´uomo sulla strada della luce della Legge non è il primo passo su questa via che continua anche nelle altre reincarnazioni delle persone. L´annullamento della reincarnazione nelle dottrine di alcune Chiese cristiane può essere considerato come il più importante successo della lotta del buio contro la dottrina di Gesù Cristo. La fonte dell´ individualismo e l´originalità dell´uomo non è il suo corpo fisico ma il suo spirito umano. La materia non crea la vita, anche se la vita utilizza per la sua espressione le materie. Da questo risulta che la morte priva solamente della materia ma non della stessa vita, dello spirito che ravviva la materia. (B. Jerie)
All´inizio eravamo il seme dell´albero dell´eternità. Piantati nella terra di tempo dobbiamo crescerci fino a quando non sviluppiamo la forza di tutto l´albero dell´eternità. Quando il seme diventa l´albero della vita eterna, la prontezza sparisce. (Alma Excelsior) Con la crescita dell´albero diventa più piccolo e sparisce il buio che è il nostro maestro carmico della Legge.

La luce collegata con la sua fonte del Dio è eterna, il buio è temporaneo, predestinato alla sparizione. Vi preghiamo di entrare nella strada della luce della Legge, se non vi ci trovate di già.

SPMZ - 2/2011

Il nostro indirizzo:
SPMZ - capo JUDr. František Venzara
Nádražní 28
783 13 Štěpánov u Olomouce
Repubblica Ceca


 

<< RITORNO

 

Cтарт / Start: 1.3.2007
Oригинал / Original: www.spmz.info
SPMZ • Nádražní 28, 783 13 Štěpánov u Olomouce
Czech republic

IBAN: CZ81 0300 000 0002 5734 6517
BIC: CEKOCZPP

thank you for your support!